In questo momento di emergenza mondiale e di incertezza per tutti, abbiamo pensato di rimanere comunque vicini a tutti i nostri clienti, ai nostri professionisti e collaboratori introducendo una rubrica in cui ogni volta andremo a toccare punti più o meno tecnici che riguardano il materiale che noi, amiamo più di tutto, ovvero il legno.

Cercheremo di rispondere, in ogni articolo, alle domande che più  spesso ci vengono fatte da voi clienti in fase di scelta del vostro parquet.

Oggi vogliamo iniziare, analizzando quello che è il parquet per eccellenza: il Rovere.

Il parquet in rovere è quello più utilizzato in assoluto e costituisce la scelta primaria quando si tratta di pavimentazioni in legno. Il motivo è semplice: possiede delle ottime caratteristiche tecniche ed è molto bello esteticamente. Ma da cosa nasce?

Dall’albero al legno per parquet

Il rovere, chiamato talvolta la rovere, è una specie di quercia semi-caducifoglia chiamata Quercus petraea appartenente alla famiglia delle Fagacee. Possiede una chioma che si espande verso l’alto raggiungendo un’altezza di 30-40 metri. I rami sono nodosi e molto fitti. Il tronco, invece, è robusto ed eretto, non ramificato nella parte bassa ma solo in quella superiore. Può vivere per lungo tempo e non fatica a raggiungere i 500 anni, spingendosi talvolta fino agli 800. Questo albero si trova quasi in tutta Europa, Italia compresa, e in Asia. Non è a rischio di estinzione, e anzi, è molto presente sul territorio europeo, soprattutto in Francia, in Albania e in Slovenia. Non patisce la siccità per via delle sue radici molto profonde e cresce soprattutto nelle valli alpine e prealpine o nei boschi.

Per quanto riguarda il suo utilizzo, oltre alle tavole per il parquet che costituiscono uno dei suoi impieghi primari, il legno di rovere viene utilizzato anche per la costruzione di botti per differenti bevande alcoliche e nell’edilizia per diversi tipi di costruzioni, oltre che per la fabbricazione di mobili e di imbarcazioni.

La lavorazione è piuttosto semplice e il legno di rovere si lascia plasmare con gran facilità, oltre che tagliare senza grandi problemi. Su di esso possono essere applicate tutte le finiture e tutti i trattamenti senza creare danni, inoltre è facile anche da assemblare con chiodi o viti.

Le caratteristiche del parquet in rovere

Come abbiamo detto, il legno di rovere possiede delle ottime caratteristiche, sia fisiche sia meccaniche, che adesso andremo ad analizzare. La prima cosa da valutare è sicuramente il colore che, come si può vedere dalle foto, è estremamente variabile. In generale, è bruno tendente al giallastro ma può presentarsi (in base alla provenienza del legno) in diversi colori e sfumature. Anche la sua grana, come il colore, è variabile. Discorso diverso, invece, è quello relativo alla presenza o meno di nodi dovuto alla scelta che viene fatta prima della produzione vera e propria.

Per quanto riguarda le caratteristiche meccaniche, cioè quelle che determinano l’efficienza del nostro legno, abbiamo:

  • una buona flessibilità (capacità di resistere alle sollecitazioni esterne senza modificare le proprie caratteristiche) 
  • una discreta durabilità (capacità di mantenersi inalterato con il passare del tempo) e lentezza nell’invecchiamento
  • buona resistenza a funghi e muffe 
  • buona stabilità (capacità del legno di resistere a sollecitazioni climatiche mantenendosi inalterato). 

Naturalmente, per quanto riguarda quest’ultimo punto, si intende dire che resiste bene ma che non è esente dal danneggiarsi e dal rovinarsi. E’ comunque legno e segue la sua natura, non è indistruttibile.

Per quanto riguarda le caratteristiche estetiche invece possiamo sicuramente affermare che  la sua bellezza visiva e la sua eleganza, rinomata e molto apprezzata dagli italiani, lo rendono il parquet più venduto in assoluto. In aggiunta ci sono le sue buone caratteristiche tecniche che lo rendono adeguato ad ambienti come cucine e bagni per via della sua resistenza, oltre che a stanze tendenzialmente umide (sempre per le sue peculiarità meccaniche). Con il rovere si va sul sicuro e spesso viene scelto in automatico, senza valutare altre essenze perchè possiede tutto ciò che un parquet deve avere.

Ultima caratteristica molto importante da conoscere del rovere è l’ossidazione, un processo naturale che porta il colore del legno a variare con il passare del tempo. L’esposizione ai raggi solari modifica il colore fino a diventare anche molto diverso dall’originale. Il legno, una volta posato, non rimarrà sempre uguale e anzi modificherà il suo aspetto. Quando si sceglie l’essenza per il proprio pavimento bisogna esserne consapevoli per evitare spiacevoli sorprese. 

Esistono comunque tipi di trattamenti e vernici studiati nel corso degli anni che riescono a contenere questo fenomeno, ma di questo parleremo nei prossimi interventi.

EXPO PARQUET

Servizi di consulenza e vendita di pavimenti residenziali e commerciali a Bastia Umbra e nelle province di Perugia e Terni. Trattiamo in particolar modo pavimenti in legno, parquet, laminati, pavimenti resilienti (LVT-PVC), decking, moquette, battiscopa, soluzioni per hotel (hospitality).

CONTATTI

Sede di Bastia Umbra

Via delle Industrie, 8

Sede di Terni

Via del Rivo, 8

Tel./Fax 075 8012782

info@expoparquet.it

© EXPO PARQUET s.r.l. - Via delle Industrie, 8 - 06083 Bastia Umbra (PG) - P.IVA 03446480547 - Note Legali e Privacy